Archetto da formaggi filo 13

Tutto in acciaio, anche se a vederlo non sembra un coltello, in realtà taglia come se lo fosse. Logicamente occorre utilizzarlo per i formaggi giusti, altrimenti non si avrà l'effetto desiderato.
Con il filo si può tranciare bene i formaggi molli e teneri, l'impugnatura serve per fare la giusta pressione per il taglio, mentre il filo passando attraverso il prodotto, lo taglierà nettamente senza avere l'adesività che si avrebbe con il coltello.
Ideale per formaggi a pasta gessata fresca, freschi e molli l'importante che non abbiano la crosta semidura o dura, pertanto utilizzato per il gorgonzola o gli erborinati, le croste fiorite, il rotolo di capra e vari tipi di caprini a pasta gessata.

Per il corretto taglio dei formaggi innanzitutto occorre conoscere bene le rispettive caratteristiche, ma non solo esterne, ma anche quelle interne, in quanto si potrebbe danneggiare la pasta del formaggio utilizzando un coltello non idoneo all’uso.

Ovviamente la domanda può sorgere spontanea, ovvero: ma basta che il coltello ha una lama affilata, qualunque coltello può tagliare qualunque formaggio… certo che si! Però se si utilizza un coltello con le seghette andiamo a lasciare nella pasta del formaggio le striature provocate dalla lama non liscia, ma la cosa più semplice per fare capire questo concetto basta pensare al vino. E’ vero qualunque bicchiere può contenere del vino, ma se si vuol provare piacere non semplicemente nel berlo ma degustarlo allora per ogni vino ci va’ abbinato il corretto calice, quindi anche per il formaggio, per tagliare in modo idoneo per presentare il formaggio ad una degustazione occorre avere il corretto coltello ma soprattutto conoscere la corretta tecnica.

Print Friendly